Come Scegliere i Migliori Acquerelli e Pastelli

Di seguito una guida con i consigli per scegliere pastelli e acquerelli più adatti alle nostre esigenze

Come si usano i pastelli acquerellabili

Tra i vari articoli che sono indispensabili per la scuola, troviamo gli acquerelli e pastelli per la scuola di tante marche diverse e di varie tipologie.

A partire già dalla scuola dell’infanzia infatti, i bambini possono cimentarsi con i diversi prodotti da disegno, per sviluppare la creatività e la fantasia.

Per i bimbi più piccoli ci sono acquerelli e colori a dita, mentre quelli più grandicelli possono iniziare a utilizzare il pennello per colorare.

Inoltre oggi esistono anche articoli come i pastelli acquerellabili, che sono molto utili perché hanno la duplice funzione sia di acquerelli che di pastelli.

In pratica se vogliamo capire come si usano i pastelli acquerellabili, pensiamo che sono come delle normali matite, le quali però a contatto con l’acqua si sciolgono leggermente sulla mina.

Infatti bagnando leggermente la punta dei pastelli di questo tipo, si avrà un colore che risulta più sfumato, proprio come quello degli acquerelli.

Sono prodotti molto versatili, infatti ognuno può scegliere come utilizzarli, se bagnando la punta della matita come anche stendere dapprima direttamente il colore sul foglio con la matita e poi passarci il pennello bagnato sopra il tratto di colore già presente.

I pastelli acquerellabili migliori

I migliori pastelli acquerellabili sono quelli che creano dei begli effetti di colore in qualsiasi modalità vengano utilizzati.

In ogni modo si utilizzino comunque, la particolarità di tali colori è che sono come gli acquerelli e anche il risultato sul foglio è come quello che si ottiene dipingendo con i colori ad acquerello, ma i pastelli acquarellabili sono però più facili da utilizzare perché inseriti all’interno di una matita colorata.

Tuttavia possiamo anche utilizzare i pastelli così come sono, come normali matite colorate, senza uso di acqua, e avremo un normale disegno, come quello che si fa con le matite colorate.

Tutorial sull’acquerello

Per imparare al meglio a colorare con l’acquerello e capire anche quali acquerelli e pastelli per la scuola acquistare per il nostro scopo, possiamo cercare su internet un buon tutorial per l’acquerello.

Infatti oggigiorno online si possono trovare diversi video tutorial, con spiegazioni passo passo, che insegnano in questo caso ai principianti a come approcciarsi alla pittura con acquerelli.

Si possono anche trovare altrettante spiegazioni su come utilizzare al meglio i colori acquarellabili per i nostri disegni.

Lezioni di acquerello gratis

Si tratta in poche parole quasi di assistere a lezioni di acquerello gratis, in un certo senso, poiché posiamo imparare a usare al meglio i colori ad acquerello, direttamente online, dal nostro pc, e senza costo.

In questo modo avremo delle nozioni di base per quanto riguarda la pittura ad acquerello, sia che dipingiamo con gli acquerelli veri e propri, sia che utilizziamo le matite acquarellabili.

Dobbiamo sapere infatti che ci sono varie tecniche per dipingere con gli acquerelli;  tra le principali c’è la tecnica bagnato su asciutto o bagnato su bagnato, il guazzo, le velature.

Bagnato su asciutto

La definizione indica che uno dei due componenti che si usano per dipingere è “bagnato” mentre l’altro è asciutto, ovvero l’elemento bagnato è il pennello, mentre quello asciutto il foglio.

Questa tecnica è la più semplice, adatta ai principianti che vogliano cimentarsi con gli acquerelli.

Dopo aver preparato il colore sulla tavolozza, lo si miscela con acqua, e si va a stendere sul foglio asciutto. E’ importante dosare poco per volta, a gocce, l’acqua, dato che un foglio troppo bagnato si andrà a imbarcare creando sgradevoli piegature.

Bagnato su Bagnato

La tecnica bagnato su bagnato va a mettere un leggero strato d’acqua col pennello sulla parte di foglio che andiamo a dipingere, per prepararlo al colore. 

E’ una tecnica adatta per coloro con un po’ più di esperienza. E’ infatti più difficile controllare il colore, dato che il pennello messo a contatto con l’acqua sul foglio andrà a diffondere il colore in questa zona umida, creando giochi e forme di colore davvero imprevedibili.

Ci vuole tanto impegno e pratica per realizzare dei dipinti con questa tecnica.

Le velature

La tecnica delle velature va a stendere un sottilissimo strato di colore sul foglio.

Questo colore però deve essere trasparente o semi-trasparente dato che si devono usare vari strati di colore ovvero diverse velature.

Alla fine questi strati sono percepiti come uno solo.

Per questa tecnica si devono usare gli acquerelli molto diluiti.

Tecnica guazzo

La tecnica a guazzo riprende la tecnica dal passato.

Si va a mettere il colore sul foglio e da lì si inizia a sfumarlo con poca acqua.
Sono molto importanti rapidità e continuità di pennellatura, dato che il colore non si deve asciugare subito.

E’ una tecnica che  funziona meglio con particolari tempere che sono opache e facili da riattivare con l’acqua, anche dopo asciutte.

Corso base di acquerello

Se però vogliamo imparare a dipingere in modo più preciso e professionale, allora dovremo cercare un corso base di acquerello.

Possiamo trovarne sia nella nostra città, sia online, dato che ultimamente si è molto sviluppato il settore digitale, anche per quello che concerne corsi e lezioni di varie materie, le quali avvengono da remoto con un pubblico di partecipanti che si collega dal proprio pc all’aula dove l’insegnante tiene la lezione.

La cosa importante è che sia un corso dove possiamo capire bene quali sono le tecniche fondamentali per imparare la pittura ad acquerello.

Online possiamo anche direttamente acquistare i nostri acquerelli e pastelli per la scuola, scegliendo nei migliori e commerce del settore tra una vasta gamma di prodotti disponibili. Possiamo confrontare i vari prodotti tra loro prima di scegliere quello che fa per noi, metterli nel carrello virtuale e poi procedere al pagamento nella modalità indicata. Entro pochi giorni gli articoli arriveranno direttamente a casa nostra.

Torna su